[n.d.r.] Il giorno prima della chiusura di questo articolo
l’unità paramilitare di supporto rapido sudanese
ha sparato sulla folla,
mentre dimostrava in un pacifico sit in,
causando almeno 60 morti.
Per il rispetto dell’incolumità dei ragazzi
che hanno contribuito a questo lavoro,
il reportage esce in forma anonima,
omettendo i nomi degli intervistati. 

Continua a leggere su Middle East Underground, presto su carta.