Category

Music

Antropomusic, l’insostenibile leggerezza dell’essere i Pearl Jam

Antropomorfo: Che ha sembianze di uomo. Dizionario Treccani. Antropizzato: Si dice di territorio o di paesaggio che abbia subito antropizzazione. Dizionario Garzanti Anthropology: The study of human societies and cultures and their development. English Oxford Dictionary Music: cogliere il potenziale… Continue Reading →

Creepshow in Bologna. Maple death, una serata dark horror al TPO

Quasi per caso mi capita di passare una serata da solo a Bologna; o meglio, per caso no, è una scelta dettata dalla partecipazione a un paio di giornate formative, ma la sera ne approfitto, visto che sono da solo, dopo… Continue Reading →

The Grace of Losers. Gli Strange Flowers e l’aria fresca che arriva dalla scena psichedelica pisana

La SS1 Aurelia, nel tratto che va da Livorno a Pisa, è una striscia nera di asfalto che corre, costeggiata da un filare di pini ad alto fusto, in una terra scura che passa dagli enormi depositi di carburante di… Continue Reading →

Rock&Roll, Alieni e Gaijin. 4 scolarette giapponesi si fanno l’Italia, Tomboys live@Camelot 3.0

L’anima che i Queens of the stone age si sono venduti infiamma Bologna. Svetlanas e Nick Oliveri and the Dwarves Live al Freakout

Se proprio dovessi dirla tutta, la verità è che vorrei smettere di lavorare, o tipo cambiare lavoro, così che potrei comprarmi una macchina da trasformare in stereo e stare almeno due ore al giorno a ascoltare musica, basterebbe, anzi no… Continue Reading →

La genesi della Surf Music. Dick Dale e le Band strumentali

C’è stato un momento, verso la fine degli anni ’50, in cui il cuore del mondo occidentale sembrava essersi spostato verso il sud della California e le sue spiagge. Elvis, da qualche anno, aveva preso la musica bianca e l’aveva… Continue Reading →

Stoner Rock, Surf e Skateboard. I Fu Manchu

C’è un posto, nel sud della California, dove – nel 1990 – un vortice psicocinetico deve essersi materializzato nell’aria, risucchiando il suono dell’hard rock anni ’70 per poi risputarlo fuori distorto, incredibilmente rallentato e filtrato da metal, psichedelica e blues.

L’anima dei Beach Boys. Brian Wilson Live@Umbria Jazz

Ci sono momenti che trascendono, cose di cui è difficile scrivere perché quello che si ha di fronte racchiude, dentro di sé, tutto quanto un mondo; e qualsiasi cosa si provi a dire appare superflua.

Igor Hofbauer. Fumetto e Underground art, da Zagabria alla Tekè gallery di Carrara

Ci sono posti che funzionano come dei magneti, vengono messi in un certo luogo e, come per magia, tutto quello che di compatibile con essi c’è intorno ne viene attratto. Il mondo della musica è pieno di posti così, piccole… Continue Reading →

Cosa rimane, parte seconda. La leggenda dei Nabat e i ragazzi dell’OI! i nuovi live e le parole di Steno

Una leggenda è una memoria di eventi accaduti in un passato mitico e inafferrabile, nel senso mentale del termine; è una conoscenza di massa che si basa su assunti persi nella notte dei tempi, di cui non esiste empiricità di… Continue Reading →

© 2018 Hobothemag — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑