westsidestyle1

Tradizionalmente il Westside, con le sue spiagge e comunità affacciate sull’oceano , è stato un focolaio per lo sviluppo della scena skate.

Negli anni ’60 la zona di Santa Monica Bay ha generato sia il Makaha skate team che l’Hobie Vita Pak team. Personalità come Fries, Johnson, Bearer, Woodward, Saens, Blank, Archer, the Hiltons, Trafton, et al. stabilirono lo standard stilistico mondiale per quanto riguarda il freestyle e impressionarono le masse con innumerevoli esibizioni nei grandi magazzini di tutto il paese. Girando in lungo e in largo gli Stati Uniti mostrarono , sia a impomatati ragazzi di città sia a ragazzotti di campagna, un assaggio di Westside style.Tutt’oggi le loro gesta sono guardate con timore reverenziale. Dopo tutto, la gente parla ancora di Skater Dater.1

westsidestyle2

Ci sono più spiegazioni plausibili per l’importanza che ha avuto quest’area come potenza emergente del mondo dello skateboard; la più gettona fra di esse è quella “dell’origine della specie”. In poche parole essa asserisce che fin dall’invenzione dello skate negli anni ’50, da parte di una crew di surfisti di Malibù, le persone che sono nate e vissute in quelle strette vicinanze sono venute al mondo naturalmente più portate delle altre in questa disciplina. Questa teoria però non è la sola, un altro valido motivo può essere trovato nella variegata composizione topografica della regione; canyon, canali di drenaggio, banks, piscine, dighe, tubi di cemento e parcheggi abbondano quaggiù come da poche altre parti. Di conseguenza, ogni possibile situazione di skate è facilmente accessibile.

westsidestyle3E Oggi? Beh, gli spot sono sempre lì e, nell’ultima decade, facce nuove hanno sperimentato un approccio innovativo e radicale, attingendo pesantemente dal patrimonio locale che li circondava. Questo nuovo stile ha fatto il suo debutto a Del Mar 18 mesi fa, incarnato dagli adesso famigerati Z-boys.
I ragazzi hanno impressionato tutti col loro stile radicale, le curve Pivot mutuate dal surf e lo stance basso, tanto che Mellow Cat stesso ha dichiarato : “ Erano così aggressivi che sembravano più una gang di strada che una team di skate “. Anche un reporter dell’ Evening Sentinel ha scritto “ Mentre tutti gli altri stavano ben dritti in piedi, questi ragazzi giravano tutto il tempo a due passi dal terreno “
Da quando il passo avanti degli Z-Boys di skatetown e i loro tricks innovativi sono venuti alla luce molti hanno tentato di imitarli, tuttavia nessuno è ancora riuscito a riprodurre il loro aspetto più sottile. “ Vedo ragazzi che hanno copiato due o tre mosse, ma non le hanno acquisite a pieno…. Loro skateano e basta; slidano, vanno su e giù, poi si alzano e provano un nuovo trick, ma il problema è che le singole parti non sono armonizzate tra loro. “ Nathan Pratt

westsidestyle5Ogni santo giorno gli skaters di questo nuovo stile del Westside – Adams, Alva, Cullen, Constantineau, Muir, Oldham, Cahill, Oki, Kubo, Peralta, Pratt, Ruml, Hoffman ecc – possono essere visti giù in strada ( almeno che si viva a Skate town) a scrivere leggende per le ere a venire.
“Per lungo tempo la cosa è andata avanti soltanto quaggiù, adesso il vaso di pandora è stato scoperchiato e l’influenza si sta diffondendo…” Tony Alva

1Skatedater è stato il primo film sullo skateboard . Il cortometraggio, del 1965, vinse la Palma d’Oro per il miglior cortometraggio al Festival di Cannes del 1966. Ebbe una risonanza mondiale e fu distribuito in moltissime sale cinematografiche, sia in America che all’estero.

westsidestyle6

Annunci