IAP+Poster+15+web

“I don’t look like a model. I’m not a babe. I’m a surfer”
– Silvana Lima –

It ain’t pretty è un documentario che parla delle ragazze che surfano Ocean beach a San Francisco e di come il loro mondo sia distante dall’immagine patinata e piena di riferimenti sessuali che i surf media ci danno delle ragazze che fanno surf.

Le natiche ondeggianti di Anastasia Ashley, in un riscaldamento che pare più funzionale a solleticare i bassi istinti del maschio medio – abituato, lui, a riscaldare principalmente i muscoli della mano destra – che a prepararsi per un uscita in mare, sono quanto di più lontano ci possa essere da questa realtà fatta di donne il cui approccio al mare è uno schiaffo in faccia ai vecchi stereotipi.

anastasia-ashley-twerk-le-geek-cest-chic
Il Twerking di Anastasia Ashley

Per rendersi conto di quello di cui stiamo parlando basta sfogliare qualche giornaletto patinato; lo standard in cui gli uomini e le donne sono ritratti nelle pubblicità per i marchi di surf dice tutto: gli uomini appaiono in manovre atletiche e radicali, mentre le donne stanno in pose sexy sulla spiaggia – in bikini, naturalmente – o al massimo sono ritratte in qualche bottom turn al limite dell’esame rettale.

tumblr_mea9o0JSMl1rxdzfno1_500
Alana Blanchard in bottom turn

 Beh, qui la situazione è del tutto diversa; surfare nella zona della baia di San Francisco non ha niente a che vedere con il quadretto sole, surf, bikini-babe che ci viene propinato dalle riviste. Lassù fa freddo, piove, è quasi sempre ingolfato di nebbia e c’è uno degli ambienti più radicali che vi possiate immaginare; senza contare che siamo proprio nel bel mezzo del Triangolo Rosso, l’habitat naturale per i grandi squali bianchi. Ogni santo giorno che una ragazza prende la sua tavola e rema a largo di Ocean Beach sa che , la maggior parte delle volte, sarà l’unica donna la fuori e che dovrà combattere il doppio degli altri per guadagnarsi il proprio posto sulla line up.

Bianca_dropin_1000
Bianca Valenti, Droppin’ Ocean  Beach

E’ incredibilmente deprimente rendersi conto che, per quanto possano andarci giù pesanti queste ragazze, l’industria del surf continui a viaggiare su un binario che tende a solleticare gli appetiti sessuali del pubblico maschile.
It ain’t pretty, presentato, tra gli altri, al Santa Cruz Surf film festival si ripropone di fare vedere un lato diverso della medaglia, esplorando il mondo di queste ragazze e cercando di capire come l’ambiente che le circonda influenza il loro approccio alla vita e e allo sport.

Annunci