pip-staffieri-1941
Pip Staffieri con la sua Hollow Board

Nel 1920, in Inghilterra, durante la stagione estiva, era abbastanza usuale vedere gente che si divertiva sulle schiume con delle piccole tavole di legno in cui si stava sdraiati (bellyboarding) ; questa attività però, divenuta popolare grazie ai soldati inglesi che l’avevano appresa dai commilitoni sudafricani, non è mai stata legata al surf ed al suo mondo.

La prima immagine di surf moderno (stand-up) in Gran Bretagna, è collegata con un film privato girato da Lewis Rosenberg nel 1929. Questo film è stato “scoperto” dalla comunità surf nel 2011. Rosenberg costruì da solo una tavola da surf in legno di balsa, ispirato da un documentario sull’Australia, dove apparivano immagini di surf e, da Londra, cominciò a spostarsi abitualmente a Newquay per praticarlo.
Quello che Rosenberg riuscì a fare, oltre a surfare, fu una vera e propria incursione in un mondo, quello del surf, allora sconosciuto in Europa; incursione di cui incredibilmente siamo in grado di avere testimonianze filmate.

Qualche anno dopo Pip Staffieri, un gelataio di origini Italiane residente a Newquay, rimase impressionato dalle immagini di surf che aveva visto su di un’enciclopedia nella sala d’aspetto del suo dentista. Le foto che si impressero nella sua mente ritraevano alcuni Hawaiani mentre surfvano delle innovative (per i tempi) tavole Hollow; dotato di una buona manualità il ragazzo tornò a casa e si mise a lavorare su quella che sarebbe diventata una delle prime tavole moderne a solcare i mari d’europa. Non ci è dato sapere se l’attività di Staffieri fosse influenzata dalle prime esperienze di Rosemberg – ma è probabile di no -vista la sporadicità con cui il primo era stato solito approcciarsi allo sport.

pips-ride-1941
Pip Staffieri in quella che è considerata come una delle prime foto di surf Europea

Comunque sia in Gran Bretagna è considerato come uno dei padri del surf Inglese e sono  in molti a pensare che possa essere ritenuto come il primo vero Surfista europeo.
Su surfnews si trova ancora un interessantissimo e dettagliato articolo sulla vita di Peppino e la storia del surf inglese .

Annunci