Yak_Charlie“La Wsl è sponsorizzata da vera spazzatura, la feccia della terra oserei dire. Un mese chiama un contest  Drug aware pro e quello dopo si fa sponsorizzare da una marca di birra, la peggior droga del mondo. Si facessero sostenere dall’industria della Marijuana sarebbe molto meglio.”

Non parla spesso Joel Tudor, ma quando lo fa è difficile che non apra almeno qualche canale di riflessione.
Qualche giorno fa, sul suo account istagram, Joel ha diffuso un’immagine in cui si fanno presenti i benefici del consumo di Marijuana, accompagnata da una dichiarazione che suona grosso modo così :
“ Onore all’alcool che sostiene Il j-bay open @wsl & @corona – un partenariato adatto alla gioventù di 14-25 enni che seguono il tour …. grandi venditori di spazzatura … zero benefici per la salute e probabilmente la peggior droga sulla terra! Tuttavia la wsl si rifiuta di sostenere l’industria dell’erba … un settore che non può portare che benefici al pianeta … ci può togliere dai combustibili fossili e dalla plastica … la deforestazione …. i benefici sanitari …. ma ancora siamo i cattivi 🙂 siate consapevoli dell’ipocrisia pazzesca che ci circonda e dell’industria – GO GREEN 2017 !!! …. ps … puoi anche fare Tavole da surf di materiali a base di canapa! “.
Screenshot (4)Per questo Stabmagazine ha deciso di contattarlo per capire meglio il significato delle sue parole; durante l’intervista Tudor ha chiarito il suo pensiero dichiarando che l’ipocrisia che sta dietro al circo del WSL lo disgusta, che un giorno si fanno promotori della lotta alla droga e il giorno dopo accettano soldi da giganti dell’industria dell’alcool, una delle peggiori droghe sul pianeta, a suo avviso.
Quello che Joel proprio non sopporta è il fatto che, come consumatore di Marijuana, è ancora inserito sul carro dei cattivi dalla maggior parte dei settori della società, mentre l’erba – secondo lui – rappresenta un’opportunità, sia dal punto di vista ricreativo che da quello medico ed ecologico.
“ So distinguere bene quello che ti tiene fuori dall’acqua da quello che invece non lo fa “ dice con una punta di ironia “ Io fumo erba da sempre ed ho una forma fisica che la maggior parte di chi si gonfia di birra non si sogna neppure “.
Non che non abbia mai bevuto, in passato ha avuto esperienze di un certo livello con la maggior parte dei distillati, ma sono cose che fanno parte del passato – dice – errori di gioventù che uno deve essere in grado di riconoscere. Ma quello che proprio non gli va giù è che ci sia questo grosso velo di ipocrisia all’interno del mondo del surf, un velo di ipocrisia sostenuto dagli interessi delle grosse corporazioni.
“L’alcool fa male, l’erba no, o almeno non così tanto” – dice – “ però continuiamo a vivere nella follia, come se si fosse negli anni ’50, quando i nostri genitori pensavano che una canna fosse come l’eroina, e invece non c’è nulla di così diverso. Per come la vedo io, fumare è un nulla rispetto a ubriacarsi. Qual è il minore dei due mali? Cosa è meglio per il nostro pianeta, e per noi in quanto surfisti?
Per quanto mi riguarda la WSL, o chiunque altro nel mondo del surf prenda soldi dall’industria dell’alcool, è un cazzo di schifoso” .

Thanks to : stabmagazine.com
Annunci