– Dove, sono i giganti? disse Sancio Pancia.
– Quelli che vedi laggiù, rispose il padrone, con quelle braccia sì lunghe, che taluno d’essi le ha come di due leghe.
– Guardi bene la signoria vostra, soggiunse Sancio, che quelli che colà si discoprono non sono altrimenti giganti, ma mulini da vento, e quelle che le paiono braccia sono le pale delle ruote, che percosse dal vento, fanno girare la macina del mulino.
– Ben si conosce, disse don Chisciotte, che non sei pratico di avventure; quelli sono giganti, e se ne temi, fatti in disparte e mettiti in orazione mentre io vado ad entrar con essi in fiera e disugual tenzone.

Così Don Chisciotte si rivolge a Sancio Panza prima di buttarsi a capofitto contro i mulini a vento, a testa bassa contro l’orrore di un mondo che non capisce e che non lo rappresenta. Un pazzo per i più, un faro per qualcuno. L’opinione dei molti, come spesso accade, è però incredibilmente fallace; il cavaliere infatti “non è pazzo, non si comporta cioè come qualcuno che ha perso la ragione anzi, si comporta in un modo impeccabile, segue a menadito tutti i dettami del codice cavalleresco ed è proprio da questo suo rigore, applicato a cause di poco conto, e in modi che ormai non sono più attuali, che emerge la sua stranezza e la sua follia”, ma anche la sua forza.

Le avventure di Don Chisciotte falliscono tutte, ma non importa. Quello che importa è l’ideale, l’attitudine e l’atteggiamento; non c’è niente di inutile in quello che fa e le sue battaglie esistono sia sul piano del reale che su quello dell’ideale, a dimostrazione che lo spirito dell’uomo può rimanere vivo nonostante le spinte esterne al suo annientamento.
In Italia per aprire un negozio di dischi, e per mettere su un’etichetta discografica punk, ci vuole lo spirito di quel cavaliere spagnolo, che non è una cosa che si trova con facilità; per fortuna però, a non stancarsi di cercare, un barlume di quell’anima si riesce a trovarlo.

A Genova c’è un negozio di dischi che è anche un mondo “Flamingo records nasce da un’idea mia e di mia moglie Emi” ci racconta Alberto “aprendo il negozio abbiamo pensato che usare un luogo come un negozio di dischi per dare spazio alla musica indipendente sarebbe stato fico. Inizialmente eravamo impallati con lo skate punk, ma con il tempo abbiamo pensato che era molto più bello dare spazio a ogni sfumatura del punk rock, dall’hardcore a quello più pop. Ogni settimana giriamo un video su youtube che si chiama ‘come non produrre un disco’ dove racconto le disavventure discografiche dell’etichetta. Ci piace semplicemente ascoltare la musica su formato fisico, che sia un vinile o un cd (siamo grandi fan del cd, supporto ingiustamente dimenticato) poco cambia, quindi quando ascoltiamo qualcosa di bello cerchiamo di produrlo. In questi anni ci siamo spesi i soldi dei banchetti in alcolici, ci siamo marchiati a fuoco con i membri delle band, ci siamo presi delle inculate, abbiamo conosciuto persone incredibili e non abbiamo messo via un centesimo con ben 24 uscite all’attivo”.

Tra i vari progetti dell’etichetta c’è Blue feelings, un 10″ all’anno (un po’ tipo le desert session di stoneageana memoria) dedicato a gruppi punk tendenti al sound wave o alternative, ma soprattutto TRISTI (in stile Jawbreaker, Dinosaur jr, ma anche Cure e simili). I dischi usciranno sempre in 150 copie numerate e con copertina serigrafata. La prima uscita è dedicata ai Minus Hero, che sono una vera e propria bomba malinconica.
I Minus Hero nascono a Roma all’inizio del 2019, dalle menti di Marco (Twister), Luca (Nofu, The Nappies) e Riccardo (Bravo) ispirati dalle sonorità shoegaze, grunge, emo e punk rock e alt-rock dei primi anni ’90. A giugno dello stesso anno pubblicano il loro primo EP “Evelyn” su un numero limitato di cassette. Dopo qualche data Luca si trasferisce ad Amsterdam nel settembre del 2019 e durante il periodo tra Marzo e Aprile 2020, in piena pandemia e senza la possibilità di incontrarsi, ultimano il loro secondo EP “Songs about leaving”. Il disco viene registrato presso il Loops studio di Latina nel Giugno 2020 e presto inizia la loro collaborazione con Flamingo records con cui nasce una completa sinergia.

Per supportare Flamingo Records visitate il loro sito https://www.flamingorecords.it/